Dal Volti una bròza l’è tròp e un cara l’é póch.

Delle volte un biroccio è poco e un carro è troppo.

La strèda de vòin la và da e’ cantìr a la cantóina. U i scórr e’ sàngh. Se vòin u s barata, u s fa amicióizia, u s lèz e’ distòin, u s chèva al maligni, u s ciàpa curàg.

La via del vino non è solo un percorso denotato da un “saper fare” corredato di attrezzi e contenitori. La via del vino è la strada dei simboli del sangue e della forza, quindi della vita e della lotta. Col vino si commercia, si scambia, si stringono amicizie, si suggellano parentele, si legge il futuro, si scacciano le negatività, si da forza allo spirito.