E’ grèn sla péula l’è catéiv da stimé
quant stai ch’ u s’ possa cavè
un bón stimadòur e sarà ‘ da cris-cén
cléu che girà ch’l’è piò péula ne grèn.

Il grano misto alla pula è cattivo da stimare quante staia possa dare;
un buon stimatore agirà da cristiano se dirà che è più pula che grano.
Seminè, mét, bat. Soura la strèda de grèn u i è: l’òm, e’ sòul, la tèra, la spóiga, ch’ i dà vòusa m’i atrézz de cuntadòin.

La via del grano ha la forma di un ciclo. Ciclo stagionale, ciclo lavorativo, ciclo rituale e della socialità. La via del grano è disseminata di attrezzi, saperi, maestrie, credenze in cui i protagonisti (l’uomo, il sole, la terra e la spiga) danno ad ogni attrezzo compiti pratici e valori simbolici.