Quand t’sint e’ mugnèr che chènta
l’è alòura ch’u t’róba la farina;
quand t’sint ch’u n chènta pio’
l’è altura ch’u la porta sò.

Quando senti il mugnaio che canta è allora che ti ruba la farina;
quando senti che non canta più è allora che la porta su.
Chi ch’ e’ và e’ mulòin u s’ infaròina. Te mulòin sla fórza dl’ àqua e dla màsna e’ grèn e’ dvénta farina. Te mulòin u s’ incòuntra e’ sòul sla lèuna ma bsògna ste ténti m’i fulétt.

Il mulino è il luogo della trasformazione per eccellenza. Con la forza dell’acqua ed il movimento rotatorio della pietra il grano diventa farina. Nel mulino l’incontro di sole (grano) e luna (acqua e pietra) apre le porte al mistero dei folletti ed alle credenze sulle beffe del demonio.