Potrei elencare forse qualche altra differenza però meno sensibile di quelle elencate: siccome si basa su elementi meno certi, la tralascio. Mi piace invece di accennare al modo particolare che solo i muratori di Santarcangelo sanno esprimersi.

Ho cercato di trovare le ragioni di questo gergo interrogando le persone più colte e i muratori più anziani: ho potuto assodare soltanto questo: l’arte muraria era esercitata molti anni or sono con molta abilità dai santarcangiolesi che venivano chiamati non solo, per la costruzione delle case, nel comune, ma anche fuori di comune: essi per non farsi capire dai padroni o da coloro che assistevano al lavoro, avrebbero coniato questo modo particolare di intendersi che a pochi rivelavano: ora questo gergo sta cadendo in disuso.

Io credo opportuno riportare qui un breve saggio di questo gergo, che è ricco di vocaboli e spesso molto espressivo, anche perché qualche parola è entrata nel dialetto santarcangiolese.

italiano – dialetto – gergo dei muratori

aceto – asòida – munfurtọina

acqua – àqua – losa

acqua – àqua – vędva

andar via – andè vì – fikevęl

asino – sumàr – savńęn

bicchiere – bicìr – bagˇar

buono – bón – vair

calzoni – calzéun – landrọin

cane – chèn – rabái

capire – capói – ingulmọi

carabiniere – carabinìr – maskalfàn

casa – chèsa – krò˛ča

cosa cattiva – ròba catóiva – sl˛osa

discorso – zcòurs – bakái

fagioli – fasùl – lufẹ°un

fiasco – fiàsch – minorč

finestra – finèstra – balistråusa

formaggio – furmài – stafęl

frumentone – furmantòun – zal`åus

furto – ladrarì – go˛b

gatto – gàt – saltatręv

gesso – zès – martọin

grano – grèn – mundęl

insalata – insalèda – papakó˛ka

lavorare – lavurè – stuinę́

letto – lèt – kọ́bi

lingua – léngua – lupęta

lui – léu – suisi

maiale – bagòin – rugnę́nt

mani – mèni – sgarafagńi

martello, denti – martèl – zakagńọin

metro – métri – garzai

morire – murói – sbaşọ́i

nubi – nóvvli – asistẹnt

occhi – ócc – luşantọin

occhiata – ucèda – sbarlọ́sa

padrone, capo – padròun – mazuręng

pane – pèn – stróis

pannocchia – panòcia – kreanto˛ina

pecora – pìgra – blantọina

pesce – pès – minakåud

pidocchio – bdòc – rapas˛ò

poliziotto – poliziòt – sčentapàn

pollo – pòl – raspęnt

puella – burdèla – pivęla

pulci – pólsi – saltaręli

rospo – ròsp – saltaprę`

S. Messa – Mèsa – santoccia

sabbia, terra – sàbia, tèra – muręta

sassi – sas – mazakęn

scarpe – schèrpi – fangåusi

schiaffi – s-ciàf – sgńakaręli

soldi – baiócch – burẹ́l

sposa – spòusa – markę`

sposo – spòus – markǻun

strada – strèda – lungåusa

tasca – bascòza – bęrta

testa – tèsta – balåurda

uova – óvi – albọini (arburèli)

uva – óvva – garbo˛ja

vecchia – vècia – Lospa

vino – vòin – skabi

Voce di Gianni Fucci

Il gergo dei muratori

Intervista realizzata nel 1985 da Mario Turci a Guido Ricci (Capomastro – Santarcangelo di R.)

L’intervista a Guido Ricci è una registrazione del 1985 realizzata a fini di ricerca e studio, con una strumentazione non professionale. La qualità del contenuto ne ha giustificato l’inserimento nel sito.