La gòmma

S’u i fòss ‘na gòmma de scanzlè, ‘na gòmma
da inciòstar, no da lapis, o se no
s’na machina da scréiv, bat xxx,
o par fè mèi, xyxy,
o
par fè mèi ancòura, mnmn,
ch’u s fa pòch mn, mo e’ scanzèla,
porca mansóla, ch’u n s capéss piò gnént,
o adiritéura, mèi di tótt, mo a n l’ò,
un computer u i vrébb, ch’e’ basta un tast,
e e’ sparéss tótt, senza un scanzlòt, tòtt biènch,
cmè ch’u n fòss suzèst gnènt,
perchè mè te mi mònd i sbai ch’ò fat.

La gomma

Se ci fosse una gomma da cancellare, una gomma
da inchiostro, no da lapis, o se no
con una macchina da scrivere battere xxx,
o, per far meglio, xyxy
o, per fare ancora meglio mnmn,
che si fa poco mn, ma cancella,
porca masola, che non si capisce piu’ niente,
o addirittura,meglio di tutto,ma non ce l’ho
un computer ci vorrebbe, che basta un tasto,
e sparisce tutto, senza un cancellotto, tutto bianco,
come non fosse successo niente,
perché io nella mia vita i sbagli che ho fatto

Biografia

In gioventù diede vita, insieme agli amici Tonino Guerra, Nino Pedretti, Flavio Nicolini, Gianni Fucci, Rina Macrelli a quel sodalizio ironicamente ribattezzato dai santarcangiolesi “E’ cìrcal de giudéizi”.
Laureato in filosofia all’Università di Bologna, nel 1955 si trasferisce a Milano dove si impiega prima come copy-writer poi come giornalista a “Panorama”.

Dopo le prose satiriche di Autotem, Milano, Bompiani, 1967, esordisce in dialetto con la raccolta E’ solitèri, Imola, Galeati, 1976.
Qualche anno dopo pubblica La nàiva, Torino, Einaudi, 1982 e nel 1988, per la stessa casa editrice, esce Furistìr.
Nel 1993 pubblica il monologo teatrale Zitti Tutti!, Milano, Ubulibri, messo poi in scena da Ravenna Teatro, con la regia di M. Martinelli e l’interpretazione di I. Marescotti.
Nel 1995 esce Ad nòta, Milano, Mondadori e nel 1996 Ravenna Teatro produce lo spettacolo teatrale Furistìr.
Nel 1998 pubblica la silloge Carta Canta, Zitti tutti!, In fondo a destra, Torino, Einaudi e nel 2000 la raccolta La nàiva, Furistìr, Ciàcri, Torino, Einaudi.
Nel 2003 escono Lei capisce il dialetto? Raffaello Baldini fra poesia e teatro a cura di M. Ricci e G. Bellosi, Ravenna, Longo e la sua ultima opera Intercity, Torino, Einaudi.
Nel 2008, postumo, esce il monologo La Fondazione, Torino, Einaudi a cura di Clelia Martignoni e con traduzione a fronte di Giuseppe Bellosi.

E’ inoltre compreso in svariate antologie e saggi critici tra cui: Cento anni di poesia dialettale romagnola, a cura di G. Bellosi e G. Quondamatteo, Imola, Galeati, 1976; Cento anni di poesia dialettale romagnola, a cura di G. Bellosi e G. Quondamatteo, Imola, Galeati, 1976; Poeti dialettali del Novecento, a cura di F. Brevini, Torino, Einaudi, 1987; Poesia dialettale dal Rinascimento a oggi, a cura di G. Spagnoletti e C. Vivaldi, Milano, Garzanti, 1991; Santarcangelo dei poeti, a cura di P. Guiducci, Marciano di Romagna, Banca Popolare Valconca, 1994; Le radici e il sogno. Poeti dialettali del secondo Novecento in Romagna a cura di L. Benini Sforza e N. Spadoni, Faenza, Mobydick, 1996; La poesia in dialetto. Storia e testi dalle origini al Novecento, a cura di F. Brevini, Milano, Mondadori, 1999; Il pensiero dominante. Poesia italiana 1970-2000, a cura di F. Loi e D. Rondoni, Milano, Garzanti, 2001; Poeti in romagnolo del secondo Novecento, a cura di P. Civitareale, Imola, La Mandragora, 2005; Dizionario dei poeti dialettali romagnoli del Novecento, a cura di G. Fucci e G. Bellosi, Verucchio, Pazzini Editore, 2006.

* Tratto da: Dizionario dei poeti dialettali romagnoli del Novecento, a cura di G. Fucci e G. Bellosi, Verucchio, Pazzini Editore, 2006, pp. 27-44.